NEWS

    05.04.2023 - ARCICONFRATERNITA S. MARIA MAGGIORE: CERIMONIA DI VESTIZIONE DI UN NOVIZIO E CONSEGNA DI ATTESTATI DI BENEMERENZA A DUE CONFRATI
    Letta: 203 volte        


     

    Si è svolta nel pomeriggio di oggi l’assemblea straordinaria dell’Arciconfraternita, dedicata tradizionalmente al rinnovo dell’adesione dei Confrati. Quest’anno il tradizionale incontro è stato reso particolarmente solenne dal rito di vestizione di un novizio e dalla consegna di due attestati di benemerenza ad altrettanti Confrati, che si sono particolarmente distinti nella partecipazione alla vita associativa. Dopo il pensiero spirituale dell’assistente ecclesiastico don Gianni Donzello e l’intervento del presidente Piero Rustico ha avuto inizio il solenne rito della vestizione di un nuovo novizio. Si tratta di Giorgio Giuca, di anni 30, ammesso ad iniziare il periodo di prova necessario per entrare a far parte dell’Arciconfraternita S. Maria Maggiore con deliberazione del Presidente n. 1 del 22 febbraio 2023, festa della Cattedra di San Pietro. Durante la cerimonia il novizio è stato vestito dal maestro dei novizi Nino Raucea con tunica bianca e cingolo rosso e ha ricevuto dal Presidente lo Statuto dell’Arciconfraternita. A fare da padrino al novizio il confrate distinto Concetto Galfo, che ha sottoscritto la lettera commendatizia di presentazione. Successivamente, il Presidente ha comunicato all’Assemblea di avere nominato, con proprie deliberazioni del 25 marzo 2023, sentita la Rettoria e d’intesa con l’Assistente ecclesiastico, “Confrati Distinti” i confratelli Monaca Salvatore e Murè Nicolò «in considerazione dell’appartenenza all’Arciconfraternita S. Maria Maggiore da oltre 25 anni e dell’attiva partecipazione alla vita della stessa». Ai due Confrati il presidente Piero Rustico ha consegnato il relativo attestato dopo aver espresso parole di vivo compiacimento nei loro confronti. L’assemblea si è conclusa con la consegna della tessera di adesione per l’anno 2023 a tutti i Confrati presenti chiamandoli singolarmente, a testimonianza dell'importanza che ognuno riveste all'interno dell'Arciconfraternita.