NEWS

    18.11.2011 - Appello del sindaco Piero Rustico al Prefetto per la grave situazione dell'ordine pubblico in città
    Letta: 859 volte        


     

    Il sindaco Piero Rustico ha inviato, nella giornata di ieri, una missiva indirizzata al Prefetto di Ragusa Giovanna Cagliostro, esprimendo viva preoccupazione per i fatti criminosi perpetrati in Città in queste ultime settimane.
    “L’intero territorio della Città di Ispica è ormai da troppo tempo preso di mira da criminali, che continuano a perpetrare innumerevoli azioni delittuose, specialmente furti e scippi in pieno centro urbano, anche in orari diurni. Per non dire dei tre furti avvenuti, nel giro di pochi mesi, negli uffici di questo Comune e dell’azione beffarda di malviventi, allo stato ancora ignoti, ai danni di una pizzeria ubicata a fianco della locale stazione dei Carabinieri. Questo stato di cose fa crescere sempre di più un gravissimo allarme sociale, tale comunque da rendere privi di serenità la vita e le occupazioni dei cittadini, specialmente se è vera la notizia apparsa sulle cronache locali di un quotidiano regionale di ‘21 colpi in 20 giorni’”, si legge nella lettera del primo cittadino.
    “Le denunce – prosegue il Sindaco - (che, purtroppo, non rappresentano la totalità dei fatti delittuosi che si consumano nel territorio) presentate dai cittadini alle Forze di Polizia, oltre ad una costante segnalazione di fenomeni criminali e di vandalismo, che non hanno risparmiato neppure beni e strutture pubbliche, mi impongono di rappresentarLe, signor Prefetto, il grave stato di disagio in cui vieppiù versa questa comunità cittadina. Il fenomeno che denuncio ha assunto aspetti di gravità tali da meritare una pronta, energica e decisa risposta da parte delle Istituzioni, chiamate ora a far sentire forte e inequivocabile la presenza dello Stato, con le Sue regole del diritto e della legalità”.
    La missiva prosegue con l’amara constatazione, da parte del sindaco Rustico, dell’insufficienza dei mezzi attualmente a disposizione delle locali Forze di Polizia, non in condizione di affrontare l’ondata di illegalità registrata in Città.
    Facendosi interprete del comune sentire degli ispicesi, pertanto, il primo cittadino ha chiesto al Prefetto un incontro, nonché “di voler promuovere l’adozione di tutte le misure che saranno ritenute necessarie – fra queste sicuramente una massiccia presenza di Polizia, Carabinieri e Guardia di Finanza nel territorio comunale ed un adeguato potenziamento dell’organico della locale stazione dei Carabinieri – per stroncare i gravi fenomeni sopra denunciati e ridare fiducia e serenità ad una comunità che da sempre si fa apprezzare per laboriosità e senso del dovere”.

           

    0